NewsDepositi fiscali di prodotti energetici: tempi stretti per l’adeguamento al sistema INFOIL

11 Agosto 2020

Con la Determinazione direttoriale n. 266728 del 31 luglio 2020, l’Agenzia delle dogane ha previsto i tempi e le modalità di esecuzione che dovranno essere rispettate dagli esercenti depositi fiscali di prodotti energetici di capacità non inferiore a 3.000 metri cubi per l’introduzione del sistema INFOIL (sistema informatizzato per la gestione della detenzione e della movimentazione di benzina e gasolio usati come carburante), esteso a tali soggetti dal d.l. 124 del 26 ottobre 2019, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157.

Gli operatori dovranno dotare tutti i serbatoi, destinati alla detenzione e alla movimentazione di benzina o gasolio usati come carburante, di telemisure di livello e di temperatura, gestite da un sistema informatizzato di controllo installato nel deposito stesso.

Tale sistema, sincronizzato con data e ora effettive, dovrà consentire la consultazione autonoma e diretta dei dati di interesse fiscale da parte dell’Ufficio delle Dogane competente, tramite postazioni di accesso presso il deposito.

Lo sviluppo del serbatoio mediante telemisure assume valore di riscontro dei quantitativi di carburante complessivamente movimentati dal serbatoio stesso ed accertati, ai fini tributari, tramite strumenti di misura installati su condotta o tramite pesa.

Entro il 2 ottobre 2020 ciascun depositario autorizzato dovrà presentare, presso la Dogana competente, una relazione tecnica recante la descrizione del piano di adeguamento delle dotazioni dei serbatoi, adottato per conformare il deposito al sistema INFOIL.

All’interno di tale piano di adeguamento, l’operatore dovrà riportare:

  1. lo schema aggiornato dell’impianto, con specifica indicazione della destinazione d’uso di ciascun serbatoio;
  2. la descrizione degli strumenti installati per l’accertamento dei prodotti finiti introdotti ed estratti dal deposito;
  3. le procedure attivate per adeguare, ove necessario, l’assetto del deposito alle dotazioni prescritte e i tempi di esecuzione.

Entro il 1° dicembre 2020, l’Ufficio potrà prescrivere eventuali misure di adeguamento integrative del piano nonchè effettuare una sperimentazione della funzionalità delle telemisure installate e del sistema INFOIL.

In contraddittorio con il depositario, la Dogana potrà redigere un apposito disciplinare del deposito, trasmesso alla Direzione centrale dell’Agenzia competente per materia.

Lo Studio UBFP rimane a disposizione dei propri Clienti per ogni ulteriore chiarimento e approfondimento in merito ai temi brevemente descritti.

 

Riferimenti: Determinazione direttoriale n. 266728 del 31 luglio 2020

Studio Legale UBFP

Via Bartolomeo Bosco 57 int. 1B
16121 Genova,Italia
Tel. +39 010 8570717
segreteria@ubf-lex.it


Via Fabio Filzi 2
20124 Milano,Italia
Tel. +39 02 87165991