NOVITA' E FORMAZIONEUltime notizie

Con l’entrata in vigore del Regolamento di Esecuzione (UE) 2020/1209 della Commissione del 13 agosto 2020, recante modifica del Regolamento di Esecuzione (UE) n. 1352/2013, sono stati emendati i formulari per la tutela dei diritti di proprietà intellettuale (DPI) da parte delle autorità doganali. E invero, dal 15 settembre 2020, diventa obbligatoria l’indicazione del codice EORI sia nei formulari di richiesta di intervento alle autorità doganali, in relazione a merci sospettate di violare un diritto di proprietà intellettuale, che nei formulari per la richiesta di proroga del periodo durante il quale le autorità doganali devono intervenire.

Con la sentenza 1665 del 4 agosto 2020, la Corte di Cassazione ha chiarito i limiti della responsabilità dello spedizioniere che opera in rappresentanza indiretta in Dogana. Nel caso al vaglio della Corte, l'Agenzia aveva emesso 28 atti di irrogazione sanzioni nei confornti di un CAD che aveva posto in essere importazioni per conto del proprio cliente, a cui successivamente  era stato contestato il reato di contrabbando aggravato e continuato.

Con la Determinazione direttoriale prot. n. 262063/RU del 28 luglio 2020, l’Agenzia delle dogane, nel confermare l’ambito di applicazione e le disposizioni di cui all’art. 1 della Decisione UE n. 491/2020, ha disposto l’estensione dell’efficacia temporale delle esenzioni da dazi e Iva all'importazione per le merci destinate a contrastare gli effetti della pandemia dovuta al virus Covid-19. Tale beneficio è stato esteso alle operazioni di importazione effettuate fino al 31 ottobre 2020.

Le cessioni effettuate con modalità di e-commerce a privati consumatori, con preventivo trasferimento in un Paese extracomunitario, rappresentano esportazioni anche ai fini Iva. Queste le precisazioni fornite dall’Agenzia delle entrate attraverso la risposta a interpello n. 238 dello scorso 3 agosto 2020. La questione trae origine da una richiesta effettuata da un soggetto italiano che commercializza i propri prodotti attraverso una piattaforma online.

Con la Determinazione direttoriale n. 266728 del 31 luglio 2020, l’Agenzia delle dogane ha previsto i tempi e le modalità di esecuzione che dovranno essere rispettate dagli esercenti depositi fiscali di prodotti energetici di capacità non inferiore a 3.000 metri cubi per l’introduzione del sistema INFOIL (sistema informatizzato per la gestione della detenzione e della movimentazione di benzina e gasolio usati come carburante), esteso a tali soggetti dal d.l. 124 del 26 ottobre 2019, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 2019, n. 157.

Con decreto del Ministero dell’Economia e della Finanze del 22 aprile 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 9 maggio 2020, e, con nota dell’Agenzia delle dogane prot. n. 257190/RU del 24 luglio 2020, sono state previste le modalità di attuazione e le istruzioni operative per l’utilizzo del sistema di circolazione degli oli lubrificanti, operativo dal 1° ottobre 2020.

Studio Legale UBFP

Via Bartolomeo Bosco 57 int. 1B
16121 Genova,Italia
Tel. +39 010 8570717
segreteria@ubf-lex.it


Via Fabio Filzi 2
20124 Milano,Italia
Tel. +39 02 87165991